Dal "from bean to bar" al "from tree to bar"...

by Umberto - domenica 28 gennaio 2018

Dal "from bean to bar" al "from tree to bar"...

Il Bean to bar è ormai universale. Come già detto in alcuni post, Fbm ha i propri impianti in più di 300 laboratori di produttori di cioccolato artigianale, creato dal seme di cacao. Queste realtà artigianali sono suddivise già in 65  nazioni. E, negli ultimi mesi, stanno crescendo sempre di più nuove realtà locali che iniziano a creare il loro cioccolato artigianale partendo dagli alberi che vivono e crescono nel "cortile" dell'Azienda. Dall'Indonesia al Perù. Dal Messico al Madagascar passando per il Venezela, la Colombia il Vietnam fino al Queensland, in Australia. Il cioccolato "bean to bar" è molto ricercato dal mercato occidentale che, dopo tanto cioccolato industriale spesso simile, ama il produttore locale, artigianale che racconti la storia ed i passaggi per creare il cioccolato.  Ma, vicino all'equatore dove il cacao vive, il cioccolato artigianale è diventato anche una sorta di nuova economia locale e di ricchezza per quei popoli che per anni sono stati soltanto fonte di materia prima per i grandi network mondiali. Evviva il cioccolato ed "il bean to bar". Evviva il "from tree to bar"!


 

Scrivi un Commento

Per scrivere un commento è necessario prima effetuare il Log in »